calendario con data e orologio



Net-Parade

Migliori Siti

LETTORI FISSI

venerdì 30 luglio 2010

IL VESTITO DELLA PRIMA COMUNIONE


BUON GIORNO AMICI ED AMICHE,

oggi mi sento in vena di raccontarvi una semplice storia.

Siamo negli anni difficili per tutti, 1937 - 1940, in un piccolo paese che vive a stento; il 90% degli uomini sono emigrati stagionali.
Una massaia per sbarcare il lunario cerca in tutti i modi di guadagnare qulche lira per i suoi cinque figli, facendo la lavandaia per i soldati alloggiati nei vecchi edifici delle scuole. La massaia lavava e stirava, utilizzando ed ogni minuto per il benessere della famiglia.
In quel periodo le scarpe costavano molto e i soldi non erano mai abbastanza.
Un giorno vidi quella signora con un vecchio copertone di bicicletta in mano, a un tratto chiamò uno dei bambini e gli misurò la pianta del piedino e con un vecchio coltello ben affilato ritagliò dei pezzi a forma di piedi; rimasi sorpreso quando vidi che stava lavorando con della vecchia tela di canapa e altri strani ritagli.
Due giorni dopo erano nati un paio di sandali. Fu una cosa geniale per tutta la famiglia, ne confezionò un paio, erano molto leggeri e ci si camminava comodamente.
Le voci si sparsero in fretta ed in paese tutti ne parlavano. Ogni giorno andavano a chiedere alla signora se poteva farne anche per loro e le portavano vecchie stoffe di tutti i tipi. La signora andò da un vecchio calzolaio e gli chiese se poteva avere una vecchia forma di ferro, quella dove si appoggiano le scarpe per ripararle. Il calzolaio guardò nel suo magazzino e le regalò uno di quei ferri. Ricordo come fosse ieri che la donna era felice. Aveva trasformato la piccola stanza dove viveva in un vero laboratorio pieno di forme e misure varie di piedi. Non aveva mai tempo per riposare; quel lavoro le dava una certa sicurezza per i suoi cinque figli.
Un giorno arrivò una signora considerata in paese una persona benestante, portò un pacco con della stoffa e disse: - Maria, guarda se con questa stoffa puoi fare un bel paio di sandali per me e le mie figlie.
Maria, che era il nome della signora che eseguiva questi lavori, esaminò attentamente la stoffa e disse: Tutto si può fare, ma questa stoffa non è duratura; se lei accetta io mi prendo questa staffa e le metto della tela molto resistente e di sicuro verrà bene.
La signora rispose che per lei andava bene.
Maria guardò quella stoffa e vide che era un pezzo molto grande e che forse avrebbe potuto realizzare qualcosa di molto importante.
In paese intanto si stavano facendo dei preparativi per i bambini, perché dopo qualche settimana ci sarebbe stata la prima comunione e tutti pensavano al vestito per i comunicandi.
Detto e fatto, Maria prese il bambino e si recò dal vecchio sarto che in paese faceva di tutto e gli chiese se la stoffa sarebbe bastata per un piccolo giubbino e un paio di pantaloni per il suo banbino che avrebbe fatto la prima comunione. Il sarto prese le misure e con diverse giunture quasi invisibili gli confezionò un vestitino carino. Venne il giorno della prima comunione e anche un povero bambino fece una gran bella figura.
Questa storia sembra una favola, ma è una storia vera.
Ve lo può testimoniare quel bambino,
Perché quel bambino ero io.



martedì 27 luglio 2010

CARISSIMI TUTTI/E ECCO UNA POESIA CHE ENTRA NEI NOSTRI CUORI

A TUTTE LE MADRI
Questo è per le madri che stanno alzate tutta la notte tenendo in braccio i loro bambini ammalati dicendo "è tutto a posto tesoro, la mamma è qui con te". Per quelle che stanno per ore con i loro bambini che piangono in braccio cercando di dare loro conforto. Questo è per tutte le madri che vanno a lavorare con il rigurgito nei capelli, macchie di latte sulla camicia e pannolini nella loro borsetta. Per tutte le mamme che riempiono le macchine di bimbi, fanno torte e biscotti e cuciono a mano i costumi di carnevale. E per tutte le madri che non fanno queste cose. Questo è per le madri che danno la luce a bambini che non vedranno mai. E quelle madri che hanno dato una casa a quei bambini. Per le madri che hanno perso i loro bambini durante quei preziosi 9 mesi e che non potranno mai vederli crescere sulla terra, ma un giorno potranno ritrovarli in Cielo! Questo è per le madri che hanno opere d'arte di valore inestimabile appese in cucina. Per le madri che si sono gelate al freddo alle partite di calcio invece di guardarle dal caldo della macchina, così quando il bimbo le chiede: "Mi hai visto, Mamma?" Potranno dire: "Certo! Non me lo sarei perso per niente al mondo!" Pensandolo veramente. Questo è per tutte le madri che danno una sculacciata, disperatamente, ai loro bambini al supermercato quando urlano facendo i capricci per il gelato prima di cena. E per tutte le mamme che invece contano fino a 10. Questo è per tutte le mamme che si sono sedute con i loro figli per spiegare come nascono i bambini. E per tutte le madri che avrebbero tanto voluto farlo, ma non riescono a trovare le parole. Questo è per tutte le mamme che fanno la fame per dare da mangiare ai loro figli. Per tutte le madri che leggono la stessa favola due volte tutte le sere, e poi la rileggono "ancora una volta". Questo è per tutte le madri che hanno insegnato ai loro bambini di allacciarsi le scarpe prima che iniziassero ad andare a scuola. E per tutte quelle che hanno invece optato per il velcro. Questo è per tutte le madri che hanno insegnato ai loro figli maschi a cucinare e alle figlie come si fa a ad aggiustare un rubinetto che perde. Questo è per tutte le madri che girano la testa automaticamente, quando sentono una vocina chiamare "mamma!" In mezzo a una folla, anche se sanno bene che i loro figli sono a casa - o anche via, grandi, all'università... Questo è per tutte le mamme che mandano i loro figli a scuola con il mal di pancia assicurandoli che una volta a scuola staranno meglio, per poi ricevere una chiamata dall'infermeria della scuola chiedendo di venirli a prendere. Subito. Questa è per tutte le madri di quei ragazzi che prendono la strada sbagliata e non trovano il modo di comunicare con loro. Questo è per tutte le matrigne che hanno cresciuto i figli di altre madri, donando a loro tempo, attenzione e amore... e che non vengono apprezzate!... Per tutte le madri che si mordono le labbra fino a farle sanguinare, quando le loro quattordicenni si tingono i capelli di verde. Per le madri delle vittime delle sparatorie nelle scuole, e per le madri di chi ha sparato. Per le mamme dei sopravvissuti, e le madri che guardano con orrore la tv; abbracciando i loro figli che sono ritornati a casa sani e salvi. Questo è per tutte le mamme che hanno insegnato ai loro figli di essere pacifisti ed ora pregano per loro, di tornare a casa dalla guerra sani e salvi. Cos'è a fare una brava Madre? La pazienza? La compassione? La determinazione? La capacità di allattare, cucinare e ricucire un bottone di una camicia nello stesso momento? O è nel loro cuore? È il magone che senti quando vedi tuo figlio o figlia scomparire giù per la strada mentre va a scuola a piedi per la primissima volta? Lo scatto che ti porta dal sonno al risveglio, dal letto alla culla... alle 2 di notte, per appoggiare una mano sul tuo bambino che dorme? Il panico che ti viene, anni dopo, sempre alle 2 di notte quando non vedi l'ora di sentire la chiave nella serratura e sapere che è tornato a casa sano e salvo? O sentire il bisogno di correre da dovunque tu sia per abbracciare i tuoi figli quando senti che c'è stato un incidente, un incendio o un bimbo che è morto? Le emozioni della maternità sono universali, le stesse sono per le giovani madri che barcollano fra i cambi di pannolini e mancanza di sonno... e le madri più mature che imparano a lasciarli andare. Per le madri che lavorano e quelle che rimangono a casa. Per le madri single e quelle sposate. Madri con soldi, madri senza soldi. Questo è per tutte voi Tenete duro. Alla fine possiamo fare solo del nostro meglio. E dire a loro tutti i giorni che li amiamo. E pregare, per loro. ANONIMO

sabato 24 luglio 2010

LE STRANEZZE DEL TEMPO

Buon giorno amici e amiche vi chiederete come mai queste foto autunnali ora che siamo in pieno estate... È semplice una brusca frenata del clima ha fatto precipitare la temperatura questa mattina qui da me il termometro segna 14 gradi ho notato che i radiatori del termo sono caldi, il riscaldamento è partito automaticamente il rivelatore esterno lo ha fatto partire. Guardando dalla finestra sembra un panorama quasi autunnale, Il mondo è veramente cambiato credo proprio che le prossime generazioni ne vedranno di tutti i colori, ma io sono sicuro che troveranno sempre la soluzione di tutto... ALMENO ME LU AUGURO. UN caloroso saluto sperando che ritorni l'estate con il suo caldo e diciamo l'afa. Tomaso vi augura buon bagno nelle spiagge

mercoledì 21 luglio 2010

UN DONO A TUTTE/I COLORO CHE SONO IN VACANZA O SI PREPARANO PER ANDARCI

Carissime amiche carissimi amici, credo che molti di voi siate già in vacanza, e altri si staranno preparando per partire... Auguro a tutti/e una vacanza perfetta che vi possa far dimenticare tutto lo stress accumulato nel tempo... Questi candidi fiori portateli nei vostri cuori ricordando che io rimango ad aspettarvi, un abbraccio forte, Tomaso

venerdì 16 luglio 2010

VOGLIA DI AMARE, DALLA CARA ELENA

Buon giorno amici e amiche, oggi sono qui con una voglia di mare questa grafica lo dimostra che solo guardarla ci si sente l'odore dell'acqua salselice e ti porta in un sogno molto l'ontano. Un buon fine settimana a tutti/e, Tomaso

lunedì 12 luglio 2010

UNO SGUARDO DAL BALCONE

Buona serata cari amici e amiche, con questo video vi voglio far verere ciò che vedo stando seduto tranquillamente nel mio balcone. Un abbraccio con sincero affetto, Tomaso

giovedì 8 luglio 2010

PREMIO DELL'AMICIZIA

Carissimi amici e amiche e visitatori ripensandoci mi sono deciso di dedicare a tutti/e coloro che frequentano questo mio spazio questa orchidea che da molti anni curo nella finestra dei fiori, tutti coloro che la desiderano possono prenderla per un ricordo di questo inguaribile vecchietto... il premio lo potete ritirare anche sul mio blog dei premi. Un abbraccio forte a tutti/e con affetto, Tomaso

martedì 6 luglio 2010

I MIEI RICORDI DI UNA VACANZA IN ENGADINA ALPI SVIZZERE

Buon giorno carissimi amici e amiche, guardando queste foto sento il caldo meno afoso, Queste foto sono del l'ontano 1981, luoghi fantastici di una bellezza panoramica senza fiato.
Un abbraccio a tutti/e augurandovi per chi va in vacanza, buona permanenza sia al mare che in montagna, Tomaso